News


---------------------------------------------------------------------
Saggio di scambio tra riscattabilità dell'anima e utilità marginale del denaro
Giovedi, 16 Agosto 2018
La mia mamma mi ha insegnato l'amore per la vita
Giovedi, 2 Agosto 2018
Il patto d'amore
Giovedi, 2 Agosto 2018
L'uomo che apparteneva alla terra
Giovedi, 2 Agosto 2018
Gli accordi di BRETTON WOODS
Mercoledi, 1 Agosto 2018
La compulsività irrefrenabile
Martedi, 31 Luglio 2018
Murray Newton Rothbard in Wall Street le banche commerciali e la politica estera
Lunedi, 30 Luglio 2018
Recensione al libro di Joseph Shcumpeter L'imprendtore e la storia dell'imprenditore
Domenica, 29 Luglio 2018
Cicirinaria
Domenica, 29 Luglio 2018
Il materialismo storico
Domenica, 29 Luglio 2018
Amartya Sen
Sabato, 28 Luglio 2018
La borghesia è un carattere
Sabato, 28 Luglio 2018
Assiomathic Theory Assertion
Venerdi, 27 Luglio 2018
L'Utopia dello Stato minimo
Giovedi, 26 Luglio 2018
La fine dell'economia è davvero pensabile
Giovedi, 26 Luglio 2018
Farmacolizzazione del malessere psiologico adversus il diritto all'immaginazione
Mercoledi, 25 Luglio 2018
Sulle cause della ricchezza delle Nazioni
Venerdi, 20 Luglio 2018
---------------------------------------------------------------------

Sulle cause della ricchezza delle Nazioni
Venerdi, 20 Luglio 2018

 

 

 

Sulle cause della ricchezza delle Nazioni (liberamente tratto) di Adam Smith

Se deve esistere il diritto alla “conoscenza scientifica” dovrebbe esistere anche il diritto all’ozio come naturale complemento di una fase di attività economica. Allo stesso modo dovrebbe esistere il diritto all’amore o alla speranza come naturali corollari di una vita che si possa definire davvero tale. Tuttavia appare facile immaginare come tali “diritti” non possono essere garantiti “per decreto” (a causa della loro eccessiva onerosità che essi comporterebbero per le “casse pubbliche”) e della difficoltà di reperirne   i “mezzi finanziari” per soddisfarli.” Allora lo scopo dell’economia teorica ha propriamente il compito di individuare quali tra i possibili sistemi teorici alternativi (mercato o piano) sia desiderabile ai fini della soddisfazione dei bisogni della gente in relazione alla semplice smithiana analisi costi benefici. Se tra i beni desiderabili essenziali ed ineludibili vi sono beni (materiali e/o immateriali) che la generalità degli individui ritiene desiderabili ai fini del conseguimento di un tenore di vita che essi ritengono perseguibile allora l’economia teorica deve sapere suggerire quali tra i due sistemi teorici alternativi offra  le maggiori possibilità  di soddisfare alle più favorevoli condizioni economiche le attese sia dei consumatori  sia degli imprenditori: la soddisfazione  delle  attese degli uni e degli altri alle migliori condizioni economiche. La soddisfazione economica  degli uni e degli altri nel libero mercato e l’integrità della condizione che assicura la sopravvivenza di un sistema di libero scambio ( la sovranità del consumatore) costituiscono lo scopo dell’attività di un libero imprenditore la cui attività di ricerca e/o di innovazione è legata proprio alla sua azione economica in condizioni di avversità la cui “facile” risoluzione  economica  costituisce la caratteristica “caratteriale” che ciascun libero imprenditore  deve possedere per esercitare la sua attività economica in un sistema di libero scambio.

 

 

Ciò che resta dell’Unione europea

Ciò che dell’unione monetaria europea rimane un principio essenziale ai fini di ciò che Adam Smith già nel Diciottesimo secolo definì “prerequisito” del principio della specializzazione dei processi di produzione è l’ampliamento della dimensione dei mercati delle merci dei servizi e dei capitali e di quello  che ancora oggi costituisce un principio di  civiltà a favore della pace e a detrimento delle guerre commerciali che costituiscono quasi sempre il preludio delle economie di guerra che conducono alle barriere tecniche ai vincoli e ai contingentamenti alle importazioni e alle esportazioni sui confini. Tali tipi di politiche restrittive illiberali all’interno si attuano attraverso quel tipo di legislazione che affida “ai lacci e lacciuoli” di tipo dirigistico “la sua”politica commerciale attuata su base autoritativa( mercantilismo piuttosto che libero scambio: privatismo piuttosto che privatezza intervento nell’economia piuttosto che laissez faire)



 
 


   
 
Home Mission News Servizi Contatti Acquisti

2008 Copyright © La Fonte Meravigliosa   

Informativa Cookies