News


---------------------------------------------------------------------
Saggio di scambio tra riscattabilità dell'anima e utilità marginale del denaro
Giovedi, 16 Agosto 2018
La mia mamma mi ha insegnato l'amore per la vita
Giovedi, 2 Agosto 2018
Il patto d'amore
Giovedi, 2 Agosto 2018
L'uomo che apparteneva alla terra
Giovedi, 2 Agosto 2018
Gli accordi di BRETTON WOODS
Mercoledi, 1 Agosto 2018
La compulsività irrefrenabile
Martedi, 31 Luglio 2018
Murray Newton Rothbard in Wall Street le banche commerciali e la politica estera
Lunedi, 30 Luglio 2018
Recensione al libro di Joseph Shcumpeter L'imprendtore e la storia dell'imprenditore
Domenica, 29 Luglio 2018
Cicirinaria
Domenica, 29 Luglio 2018
Il materialismo storico
Domenica, 29 Luglio 2018
Amartya Sen
Sabato, 28 Luglio 2018
La borghesia è un carattere
Sabato, 28 Luglio 2018
Assiomathic Theory Assertion
Venerdi, 27 Luglio 2018
L'Utopia dello Stato minimo
Giovedi, 26 Luglio 2018
La fine dell'economia è davvero pensabile
Giovedi, 26 Luglio 2018
Farmacolizzazione del malessere psiologico adversus il diritto all'immaginazione
Mercoledi, 25 Luglio 2018
Sulle cause della ricchezza delle Nazioni
Venerdi, 20 Luglio 2018
---------------------------------------------------------------------

L'uomo che apparteneva alla terra
Giovedi, 2 Agosto 2018

 

Nell’articolo L’uomo che apparteneva alla terra il sottoscritto trattò della filosofia di Ann Arend che ella nei suoi celebri think tank che tenne a New York all’epoca della sua prima opera La Fonte Meravigliosa ottenne la frizione dell’economista Alan Greespan che interruppe la sua partecipazione ad essi a causa di una incompatibilità tra le  loro rispettive ideologie. La filosofia di Ayn Rand fu definita oggettivismo. Essa fu basata sulla concezione che la vita politica fosse sempre analizzabile in relazione ad un dato politico oggettivo nei confronti del quale la scrittrice proponeva un tipo di approccio oggettivistico cioè basato sul “dato oggettivo” piuttosto che sul principio della soggettività dei fini (principio di base della Scuola economica austriaca). I suoi i libri infatti prediligono lo scambio oggettivistico su basi ideologiche più che l’io narrante o la filosofia individualistica basate sul celebre assioma di Ludwig von Mises : solo l’individuo pensa ragione ed agisce. Inoltre un tale approccio condusse la Ayn Rand ad un razionalismo costruttivistico che indusse Alan Greespann ad abbandonare il suo Think Tank. Il suggerimento che Fabrizio Maria Lo Monaco le offrì all’epoca come spunto esistenziale fu uno spontaneismo irrazionalistico che sebbene fosse osteggiato dalla scrittrice Ayn Rand le offrì la condizione ontica affinché ella  percepisse l’orrore della filosofia che il socialismo naturalmente produce affondando le sue basi metodologiche su un collettivismo oggettivista che nega i principi della speranza individuale e della creatività del singolo posto di fronte ad un problema che la presunzione fatale del costruttivista rende quasi sempre alla maniera di un migliorismo di togliattiana memoria.

 



 
 


   
 
Home Mission News Servizi Contatti Acquisti

2008 Copyright © La Fonte Meravigliosa   

Informativa Cookies